un isterico tuareg...

22 settembre 2008

Una cosa da imparare

Non ho mai imparato a non assorbire il dolore delle persone che mi stanno intorno.
O forse è solo il fatto che non si può andare a suonare al campanello di un padre che ha perso il proprio figlio, chiedergli cos'è successo.
Perchè suo figlio stava solo andando a scuola, stamattina. E si è sentito male, e non c'è più.
E io stavo davanti a suo padre, oggi pomeriggio, mentre mi raccontava che lo aveva portato a scuola come tutti i giorni, gli aveva comprato la pizza e poi lo aveva lasciato davanti al portone, mentre lui tornava al lavoro. E che poi, dopo dieci minuti, una telefonata lo aveva fatto a pezzi.

Come si fa a non assorbire il dolore?

Soundtrack CRISTINA DONA' "Tregua" Mescal, 1997

09 settembre 2008

A touch of claaaaass

Mentre Bagnasco e i politici tutti si infervorano già sul prossimo Pride di Genova (ma lo capirà mai che non è il mio, nè il nostro, tipo?), Dagospia ha messo online un reportage sul Pride non ufficiale di sabato scorso a Roma.
Cioè, il concerto di Madonna.
Veri tocchi di classe:

* il titolo dell'articolo: "LA SERA ALL’OLIMPICO URLA “DAMMELO!”, IL MATTINO DOPO STA UN’ORA IN CHIESA. L’INEFFABILE FROCERIA D’ITALIA TRASFORMA IL MULTIMEDIA-SHOW IN UN GAY PRIDE".

* la foto di D'Agostino con la maglia di Stalin

* la foto numero 66 della terrificante galleria fotografica

Ode al pecoreccio, sicuti semper.

Soundtrack MADONNA che, sfiatata, canta (?) "Smollamelo, yeah..."