un isterico tuareg...

10 luglio 2008

Il neurone John

John, il mio piccolo neurone ubriaco, sta definitivamente impazzendo.

Due giorni fa.
Mi sveglio ridendo come un cretino.
Nel sogno, stavo storpiando i titoli dei film.
Mi sveglio ghignando mentre il mio cervello pensava a "Graffiate il soldato Ryan"

Ieri.
Dopo 12 ore di lavoro qui ai Mondiali Antirazzisti, riesco a prendere al volo il treno per Bologna.
Stazione di Casalecchio. Il bar fa aperitivi spostando i tavoli sulla pensilina dell'uni binario. La gente sembra aspettare il treno, e invece è immobile sulle panchine.
Piccole statue, che osservano chi sale.
Salgo solo io, sul treno.
E riesco a rendere l'azione molto spettacolare.
Salgo il primo scalino, e mi si sfila un sandalo.
Rimbalza sulla pensilina.
Scivola.
E cade tra le rotaie, sotto al treno.
Agisco d'istinto: mi sdraio in terra, allungo il braccio e recupero il sandalo tra le rotaie, sotto al treno che minacciava di ripartire.
Ho rischiato di essere decapitato da un treno per recuperare una scarpa.

Riuscite a capire quanto io sia messo male?

Soundtrack quello del rumoroso soundsystem che spara cose assurde da un punto imprecisato del campeggio...

1 Comments:

  • io ho avuto una serata spassosissima storpiando nomi di film horror per metterci dentro un riferimento al criceto, animale ritenuto "pericoloso" da una mia amica. Ancora oggi mi commuovo pensando a "arsenico e vecchi criceti" o a "il criceto suona sempre due volte"

    By Anonymous marckuck, at 11:13 AM  

Posta un commento

<< Home