un isterico tuareg...

10 gennaio 2008

Ordine!

Tre ragazzi guardano davanti a sè, specchiandosi in una pozzanghera. Il cielo è terso, ma noi lo vediamo solo guardando a terra.
Un attimo dopo, la collina più verde che sia mai esistita sorride ai nostri occhi, ma restiamo ad osservarla, dietro a un vetro.

E' strano come queste due fotografie promozionali di due band di cui mi sto occupando in questi giorni, i Picastro e i Rivulets, riflettano il mio stato d'animo.

Inutile girarci intorno, non è un bel periodo. Non lo sono stati gli ultimi due mesi, fatti di lavorolavorolavoro e poco spazio alle soddisfazioni, e ai sorrisi. Non voglio più che sia così: c'è un mondo là fuori, ed è come se io mi fossi dimenticato di lui. Messo da parte il futuro, a capo chino a vivere quello che ho.

Che è tantissimo, ma che non sto vivendo bene.

Dicono tutti che è normale. In fondo, non sto affrontando contemporaneamente il mio primo rapporto di coppia davvero importante e le difficoltà di un lavoro più traballante di un elefante su un trapezio?

Ho sorriso poco, in questi due mesi. Devo solo trovare il foglio dove mi ero scritto la soluzione per stare bene. Credo si sia perso in mezzo a questo fiume di carta inutile che tappezza il pavimento della mia stanza.

Soundtrack RIVULETS "You are my home" Important Records, 2006

1 Comments:

  • patatino! ci riuscirai sicurissssimamente. basta sapere che il foglietto illustrativo è lì, in mezzo a tutto il cibo per capre.. non lasciare che bruchino anche il tuo sorriso :D bello rileggerti...
    Any

    By Anonymous Anonimo, at 8:32 AM  

Posta un commento

<< Home