un isterico tuareg...

31 luglio 2007

Ho il ciclo E un pene

Affermazione un po' forte, magari.
Ma dopo due giorni passati ad andare in crisi per qualunque cosa, è ufficiale.
Sono un uomo. Eppure ho il ciclo.

Perchè, altrimenti, non so spiegarmi i miei (s)balzi d'umore in altro modo, almeno di non voler considerare la stanchezza (derivata da un weekend assurdo, stancante, alcoolico e bellissimo) un motivo sensato.

Lo so, che il motivo è la stanchezza. Ma preferisco pensare di avere il ciclo.
E' più assurdo. Quindi, più adatto.

Qualche istantanea del weekend:

* la sveglia ogni mezz'ora, sabato notte, per controllare a che punto del tragitto verso Bologna fossero i Fonoda.
* la casa di Gigi invasa dagli amplificatori
* Chris che fotografa la casa di Gigi come impazzito, mentre io e lui guardiamo l'alba dai tetti di Bologna. (e ora prova a dormire alle 6 del mattino...)
* un cellulare che squilla in un momento DAVVERO inopportuno
* la cena, sul balcone del Caffè del Teatro, e la faccia di Monica. Serena: è il suo ultimo concerto, prima di lasciare il bar. E quel posto mi è mancato. Molto.
* Flambo al pianoforte, tra i loop.
* vino, e birra, e limoncello, e grappa, e vinili rari, e risate, e orzo, e vino, e birra trappista, e vino (etc)
* la bilancia a tre cifre (ma la prima è un 1)

E poi, tutto il delirio di ieri. Un'ora con gli occhi aperti, e il mondo che ti viene a picchiare con insistenza sulla spalla, dandoti buoni e ragionevolissimi motivi per odiarlo.

E ora, gli occhi che si chiudono.
A dimostrare che non solo ho il ciclo nonostante abbia un pene, ma non ho nemmeno più l'età per superare con dignità le sbronze.

Soundtrack se fossi a casa, e non in redazione, adesso nelle mie orecchie ci sarebbero i BLACK EYED SUSAN. Senza dubbo.

27 luglio 2007

Fuori da questa classe

"Sei omosessuale? Non venire più a scuola, turbi la classe".
Un ragazzo di 17 anni, dopo mesi di botte e insulti di compagni di classe, si è pure sentito dire questo.

É successo a Gela (l'unica città con un sindaco dichiaratamente gay), ma non è questione di Sicilia, o di mancanza di cultura o di sensibilità: cos'è successo a Torino, solo pochi mesi fa?

Esatto, è quello il problema: non se ne ricorda nessuno.
Perchè, alla fine, un ragazzino che vive la sua adolescenza (l'età più bella della vita...quando lo dicevano a me, avrei avuto voglia di sputargli in faccia) con l'incubo di andare a scuola e, ogni giorno, di essere picchiato e insultato, non è da aiutare.
Il problema è lui, non l'ignoranza di chi lo insulta.
Anzi, facciamo prima: chiediamogli di non tornare, e di non turbare più la tranquillità della classe.

Come fino agli anni '50, quando le famiglie nascondevano in casa gli handicappati per paura del giudizio della gente.
Meglio non vedere, no? Meglio continuare a insultare, e a non rendersi conto che non è un gioco, e che le parole e le botte fanno male. Scavano dentro. E restano lì per anni.

Tutte cose che la bella gente non immagina nemmeno.

E questo non è la solita tirata del gay-povera-vittima, anzi.
Col tempo si impara a non dare peso alle frasi, e scopri che puoi essere felice anche così. Anzi, soprattutto perchè sei così.

Ma, intorno a noi, restano comunque professoresse che ti chiedono di non turbare gli altri alunni, o psicologi pagati 100 euro all'ora che ti chiedono "sei diventato gay perchè da piccolo i tuoi ti vestivano da bambina?".

É pazzesco: tu sei libero di pensarla come credi, anche di odiarmi, se vuoi.
Ma di farmi male, no. Questa libertà non ce l'hai. Mi dispiace.

Soundtrack CARTA "The glass bottom boat" Resonant / Goodfellas, 2007

26 luglio 2007

Fonoda italian tour !!!

Parte oggi il tour italiano dei FONODA, una delle migliori band sospese tra canzoni e post-rock.

Il loro secondo album, "Eventually", è uscito lo scorso marzo su Buro / City Centre Offices, e per quattro giorni attraverseranno la penisola a bordo di una macchina per portare le loro splendide canzoni, in bilico tra Sigur Ròs, Slowdive e Port-Royal.

Queste le date:

26.07.07 PESARO - Moloco
27.07.07 Guardia Sanframondi (BN) - Six Day Sonic Madness (w/ Amari, ...A Toys Orchestra)
28.07.07 PRATO - Block Zer0 (w/ Muriél)
29.07.07 Fiorano Modenese (MO) - Caffè del Teatro

Non mancate!!!

17 luglio 2007

Deutsche Supervixen

Altre perle giornalistiche in arrivo...

BERLINO - Invece di allietare una noiosa giornata lavorativa alla guida di un autobus di linea, la provocante scollatura di una giovane passeggera ha scatenato le ire dell'autista: l’uomo, in servizio a Lindau, sul versante tedesco del lago di Costanza, ha minacciato di far scendere la 20enne Debora C. perché il suo decolleté troppo sexy lo distraeva dalla guida, con conseguente pericolo per la sicurezza delle altre persone a bordo.
'«All'improvviso ha fermato il bus, ha aperto le porte e ha detto con aria evidentemente contrariata: “La sua scollatura mi disturba quando guardo nello specchio retrovisore e per questo non riesco più' a concentrarmi sul traffico. Se non cambia posto sarò costretto a farla scendere” - ha raccontato la ragazza alla Bild, ammettendo di aver cambiato posto. - «Mi ha fatto fare una figuraccia davanti a tutti gli altri passeggeri, facendomi passare per una sgualdrinella».
Contro di lei anche l'azienda del trasporto pubblico di Lindau, che ha dato ragione al proprio impiegato: «Un autista non può essere distratto dal momento che ciò mette a repentaglio la sicurezza di tutti gli altri passeggeri - ha detto un portavoce della società - L'autista si è comportato correttamente'».

Etichette:

16 luglio 2007

The week never starts 'round here # 67

Ho come il sospetto che le cose, piano piano, stiano tornando alla loro più assoluta normalità.
Due lavori belli, stressanti e sottopagati; le serate scandite dai concerti; un libro che riesce a devastarmi il mio equilibrio emotivo nel giro di poche pagine.

Sì, è tutto come sempre. Tutto riprende la sua forma.

L'EVENTO.


Mi sto letteralmente rincoglionendo di concerti.
Negli ultime dieci giorni, nell'ordine: Sonic Youth, Marco Paolini con i Mercanti di Liquore, Patrizia Laquidara, Antony and the Johnsons, Perturbazione e Nicola Piovani.
Palma d'oro ai Sonic Youth che rifanno tutto "Daydream nation" con una classe e una scioltezza incredibile: Kim Gordon glaciale, Lee Ranaldo sorridente e in gran forma, Steve Shelley che picchia come un dannato...e Thurston...beh, gli devo ancora perdonare gli Original Silence, ma pazienza.
E poi un Paolini meno in forma del solito, la Laquidara che ha l'eleganza di un fiore, Antony che mi riduce in lacrime con "Hope there's someone" fatta come secondo bis davanti alle sette chiese e una folla enorme. E poi i Perturbazione, che mi danno la piacevole sensazione di essere a casa. E poi Piovani, che è meglio non commenti (la netta sensazione che tirasse fuori un fusillo Barilla dal taschino della camicia...).

Insomma, se già di solito la mia vita è scandita dalla musica...che dovrei dire ora?

IL LIBRO.


All'inizio tutto sembra normale, come sempre: lei, scrittrice un po' folle e sregolata, con un rapporto conflittuale col padre e con un'amicizia solidissima che la tira fuori dai casini.
Già letto, pensi, è il solito libro di Rossana Campo. E invece, col cazzo.
Perchè questo libro ti strattona finchè non ti impone di ascoltarlo. E segui la protagonista nell'abisso dell'alcool, la ascolti mentre ti parla della pittrice pazza a cui vuole dedicare un romanzo...stai dalla sua parte, ecco. Qualunque cosa succeda.
E quelle dieci pagine in cui ha una ricaduta sono così inaspettate, improvvise, che ti verrebbe voglia di piangere e di gridare a quella donna di smettere, perchè si sta uccidendo.
Vorresti aiutarla.
E lo so che è assurdo, perchè è un personaggio di un libro. Eppure era moltissimo che non mi capitava un coinvolgimento così, e non è solo per il modo in cui è scritto (quella forma talmente trasandata da essere in realtà curatissima, proprio per abbattere ogni barriera con il lettore): è che...la stessa vulnerabilità di quella donna, la sento molto mia.
E forse sono solo egocentrico, a ritrovarmi in un personaggio di un libro, eppure non è così.
Perchè anche io vivo con la sensazione costante che basti un niente a mandarmi in pezzi. E questo libro ha messo a nudo la mia fragilità in un modo che ho permesso a pochissime persone.
Mi ha fatto stare bene. E male. E per me, resterà un libro molto importante.

CD (selezione).

- PATRIZIA LAQUIDARA "Funambola"
- ARCHITECTURE IN HELSINKI "Places like this"
- LES FAUVES "N.A.L.T. 1 - a fast introduction"
- SETTLEFISH "The quiet choir EP"
- BLONDE REDHEAD "La mia vita violenta"
- PERTURBAZIONE "Lateness of my biological clock" (split 7")
- NADA "L'amore è fortissimo e il corpo no"

FILM.


Qualcuno mi dovrebbe spiegare perchè ogni schifezza filmica a tematica gay mi attrae in questo modo, come una mosca su non-c'è-bisogni-che-continui.
Come questo "Professor queer": una specie di "Ritorno al futuro" a tema, dove un ragazzo gay torna indietro nel tempo ai tempi del college e scopre che l'eterosessualità è diventata quasi tabù, con tanto di locali clandestini e bullismo contro gli etero.
Ma lui è comunque diverso, e si innamora di una ragazza nonostante lui stia con il figo della scuola...
Un'ora e mezzo di un sabato estivo passato a farsi lessare il cervello. Mi vergogno profondamente.

MP3.


É uscita già da una settimana, ma la segnalo solo ora, perchè ho la puntualità di Godot, in fondo.
"U-Turn is playing at my house", la compilation mensile in free dowload di U-Turn, è arrivata al decimo numero, e abbiamo fatto le cose in grande.
Prima di tutto, l'artwork affidato a una professionista, Letizia Chianello, che ha fatto un piccolo capolavoro in chiave street art. E questa volta, per fare le cose in grande, abbiamo anche l'interno del cd (quindi scegliete una custodia trasparente) e l'etichetta per il dischetto!
E la musica? La musica è ottima, come al solito.
Partiamo maliconici con il pianoforte degli Stateless, e poi via, con il pop tagliente di Pop Levi e quello scanzonato dei Mother and The Addicts.
Poi, improvvisamente, tutto si dilata: i Port-Royal parlano senza parole, di amori virtuali ed eterei, gli Asobi Seksu se ne escono con una melodia shoegaze da brivido e i Function regalano un piccolo capolavoro di psichedelia folk.
Tempo di rasserenarsi, e arrivano i Misha, con una gemma di pop elettronico semplicemente splendida, mentre gli Isabel At Sunset ricordano a tutti perchè abbiamo amato i Pavement e i Fonoda condensano il meglio del post-rock in meno di tre minuti.
Ma l'estate è anche fatta di tormentoni: e allora ecco gli Ex-Otago col loro inglese da Maxibon, e poi i Fridge, con le loro vibrazioni di rumore.
Tutto si chiude dolce dolce, con i sussurri dei Comaneci.
Scaricate tutto, gratis e legale, da qui!

CHIAVE DI RICERCA DELLA SETTIMANA.
(ovvero: come ti arrivo a questo blog perdendo la faccia)

tette di elena quarta

devo riflettere. L'Elena che conosco io non ha le tette della quarta. A meno che non si tratti di Elena, la mia cugina detta anche "Latteria". A meno che "Quarta" non sia il cognome e io ho pensato male. No, non è malizia: hanno cercato tette...ma perchè cercarle proprio qui?

LA FRASE DELLA SETTIMANA.

"La mia mamma è un genio...ha inventato le farfalle grandi COSI'!" (Gigi)

vi assicuro che, sussurrata nelle orecchie mentre cerchi di non addormentarti ascoltando Nicola Piovani, fa molto ridere...

The week starts...NOW!
Buona settimana...

Etichette:

15 luglio 2007

La bambina perturbata

A volte, è bello andare a un concerto semplicemente perchè saprai che, a quel concerto, ti sentirai bene.
Perchè conosci le persone sul palco, vi siete incrociati tantissime volte e ormai vi riconoscete.
E perchè, quelle persone che ormai ti chiamano per nome, ti hanno emozionato moltissime volte con la loro musica.
Gigi ed Elena - la mia rock love story preferita - hanno avuto una bimba, Nora. Elena non c'è, è in Sardegna con la pupa, e Gigi è appena tornato da là. Ha la faccia stanca, ma sorride, come sempre.

Di fianco a me, davanti al palco, c'è una bimba assieme ai suoi genitori. Avrà sì e no otto anni.
E conosce a memoria TUTTE le parole delle loro canzoni.
Si ferma, intimidita, solo davanti ad "Animalia". É pur sempre una bimba, ma una bimba che cresce alla grande. E quei due genitori si meriterebbero una statua.
O almeno un ringraziamento nei credits del prossimo cd...(che, come sappiamo, dovrebbe chiamarsi Non, come da battute sul forum, un secolo fa).
Alla prossima, ragazzi. Cioè, tra 10 giorni a Bologna.

Soundtrack PERTURBAZIONE, "Pianissimo fortissimo" Capitol / EMI, 2007

13 luglio 2007

Sono sul podcast di Radio 2 !!!

Bene.
É ufficiale. Sto tremando.

Vi ricordate che, un po' di tempo fa, avevo partecipato al casting per il nuovo conduttore di Dispenser, su Radio 2?
Bene, le selezioni sono finite. Stanno mandando le convocazioni via mail: chiameranno i 20 migliori (su 250) a Milano per una giornata di scannatoio, e alla fine si saprà chi è il nuovo conduttore.


Nel frattempo, hanno messo alcuni dei provini sul podcast di Radio 2. Non necessariamente i migliori, dicono, ma...
Insomma, io ci sono!!! Sono sul podcast di Radio 2!
Ora sarà difficile non farmi illusioni sulla convocazione, ma vabbè...intanto, in qualche modo, sulla radio nazionale ci sono arrivato.
Ho come il sospetto che questo diventerà un aneddoto per i nipotini...insomma, io, invece che raccontare la guerra, racconterò di quella volta che ero finito sul podcast di Radio 2...

Comunque, se volete, lo trovate qui da scaricare. Click col tasto destro, "salva oggetto con nome" e via. Sono dal minuto 5.22 in poi, ma ascoltateli tutti, sono carini!
Fatemi sapere che ne pensate!!!

Soundtrack e secondo voi? :)))

11 luglio 2007

Sex on the...church?

Ed ecco qua un'altra delle mie perle giornalistiche...

Durante la stagione calda, si sa, è molto più difficile controllare gli istinti, e i costumi morigerati dell’inverno saltano con il primo sole. Talvolta, però, occorrerebbe una scelta più oculata sul luogo nel quale abbandonarsi alla passione: è fortemente sconsigliato, ad esempio, utilizzare come alcova il sagrato di una Cattedrale.
Due amanti, però, non sempre riescono a controllarsi: è quanto è successo al 37enne di Poviglio XXX e alla 31enne carpigiana YYY, che non hanno resistito e, intorno alle 2.30 della notte tra domenica e lunedì, avrebbero iniziato a fare l’amore sul sagrato della Cattedrale di Carpi; i due sono stati colti sul fatto - e ovviamente interrotti - dalla polizia.
Alla coppia, oltre al danno dell’intimità violata - anche se si parla di un’intimità sui generis, per chi sceglie di avere un rapporto sessuale proprio sul sagrato di una chiesa che si affaccia sulla piazza più grande d’Italia - e della denuncia, è toccata anche la beffa della curiosità di alcuni paesani che, nonostante l’ora tarda, sarebbero accorsi sul luogo per godersi in diretta la scena dell’intervento delle forze dell’ordine.
Il lunedì, poi, le chiacchiere hanno preso una direzione incontrollata e, come spesso accade, ognuno ha iniziato ad aggiungere qualche particolare: si è detto che i due fossero nudi, e che fossero ubriachi; c’era anche chi vociferava che i focosi amanti fossero una coppia omosessuale, per aggiungere un particolare pruriginoso in più. E’ toccato alla Polizia fornire la versione ufficiale: si trattava di un uomo e una donna, che stavano avendo un rapporto completo davanti al portone della Cattedrale.
Per loro, i bollenti spiriti estivi saranno raffreddati per un po’ da una denuncia per atti osceni in luogo pubblico.

Etichette:

10 luglio 2007

Giornata muy difficile

Il blog è entrato in pausa forzata per troppi impegni.
Aggiornamento: sto rischiando una querela da una ditta che fa bonifiche dall'amianto. Non hanno gradito un mio articolo e stanno pensando di querelare, nell'ordine:
1. l'associazione ambientalista
2. il giornale per cui lavoro
3. me!

E poi, scusate, ma è un brutto momento: scoprire che il tuo fidanzato sta con te solo per entrare nel cast del prossimo Grande Fratello è veramente un colpo durissimo... :)
(ma la gente non ha una vita propria, o un hobby, o qualche piccione a cui dare da mangiare?)

Soundtrack che suono fa una querela, quando arriva?

06 luglio 2007

La distesa

Noia estiva.
Caldo. Nervi troppo sciolti per essere tesi, minuti che passano lenti, la tastiera del computer che seduce più del sole fuori, un po' obbligo e un po' assenza di soluzioni.

Scuotimidadentro, scuotimidadentro, scuotimidadentro.

Voglio solo vedere Kim ballare in circolo come quella volta, sentirla ansimare more, and more, and more, and more, vedere Thuston muovere la testa a scatti, all'indietro, respingendo la forza di quelle corde allentare, percosse, sfinite.
Voglio l'elettricità.

Questa sera l'avrò.
Ho resistito fino all'ultimo, ma non potevo mancare.

Soundtrack SONIC YOUTH "Daydream nation" Blast First, 1988

05 luglio 2007

Questioni di gradi




non credo ci sia bisogno di aggiungere altro, no?

Soundtrack JENNIFER GENTLE "The midnight room" Sub Pop / Audioglobe, 2007

04 luglio 2007

Gattina bagnata

Mi telefonano dalla redazione ridendo.
Sabato, vogliono mandarmi a un motoraduno, dove eleggeranno "Miss Gattina Bagnata".
Ho un solo commento: questo

Soundtrack b-sides assortite di P J HARVEY...

Etichette:

Io e Julia Roberts siamo uguali

No, non ho le gambe lunghe un metro e dieci centimetri.
No, non ho mai fatto il bagno con Richard Gere, la schiuma e le paperelle.
Sì, mi hanno scambiato per una zoccola, ma non per come ero vestito.

Comunque, io e Julia siamo uguali. Almeno, la Julia che aveva visto il premio Oscar in "Erin Brockovich". E non perchè ho le tette che mi coprono la bocca (magia del reggiseno a olio, che comunque io non uso).
Sono appena stato catapultato mio malgrado in una serie di crimini ambientali.

Antefatto: la scorsa settimana hanno trovato 30 quintali di pesce morto in un laghetto.
Io accorro prontamente (prontamente...diciamo due giorni dopo) e fotografo tutto.
Sul posto, una cosa orrenda: cadaveri di pesci sventrati, senza occhi, senza organi interni. Come i pesci di Springfield, ma molto meno divertente.
Sul posto, improvvisamente, arriva un socio della società di pesca sportiva che gestisce il lago: mi spiega tutto, ma non mi vuole dire il suo nome.
Sospetto.
Sul pelo dell'acqua, una schiuma verdastra.

Avvelenamento? Cause naturali? Falde acquifere? Anossìa?
Dobbiamo aspettare per dieci giorni i risultati delle analisi, ma...oggi, altro colpo di scena: in un altro torrente in paese ci sono altri pesci morti.
Altra razza, stessi sospetti.

E il mistero si infittisce.
Ma questo tacco 12 e questo corsetto strizza-zinne sono scomodi da morire...

03 luglio 2007

The week never starts 'round here # 65

Mai fatto tanta autostrada come questa settimana.
Tre volte in sette giorni, su tre macchine diverse, tre destinazioni diverse. Carpi, Brescia, Spilamberto.
Il caldo immobile, la campagna noiosa e interminabile (la pianura padana tagliata per il lungo, da collina a collina), l'ansia del ritorno sul palco.
Chilometri macinati. L'impossibilità di stare fermi.

L'EVENTO.

Il "mio" "Libro di Note LIVE!" mancava sul palco da novembre. Ed è tornato ieri, in una versione ridotta di mezz'ora. C'era l'autore in platea, vestito con una maglietta di Ratman, a ridere del suo libro, della grezzissima Elena/Betty (con tanto di maglietta autoprodotta INSULTA CHI TI MULTA!, una citazione...) e della sfattannoiata Strega/Alessia...
Un gemellaggio riuscitissimo, mentre Zanna metteva musiche strepitose, come sempre.
Contatto tra U-Turn e Gianluca Morozzi avvenuto, e potrebbe continuare...
E, alla fine, lo scambio: di numeri di cellulare e di magliette. Lui non entrerà mai in "Insulta chi ti multa", ma forse sarà una bella soddisfazione. Credo si sia divertito. E anche noi. Molto.

IL LIBRO.

Il viaggio in Portogallo è stato interrotto da questa era del porco...

CD (selezione).

- MISHA "Teardrop sweetheart"
- AA.VV. "U-Turn is playing at my house # 10"
- SOLOINCASA "Silenzi non silenzi EP"
- SLEATER-KINNEY "The woods"
- TIM BUCKLEY "Honeyman"
- WILCO "Yankee hotel foxtrot"
- NOTWIST "Neon golden"

CONCERTI.

Grazie a eMMa (tornata in toccata e fuga da Londra), ho visto per la prima volta i Placebo dal vivo. Pubblico gay-friendly (del resto...) e ragazzine adoranti sotto l'albergo. Bassista brutto che smette di suonare e incita la folla (tanto c'erano i ghost-players a suonare per lui...).
Molte mossette inutili, Brian Molko concentratissimo, piccole derive shoegaze mai sentite prima da loro. Qualche cosa davvero molto bella: "Soulmates never die", la cover di "Running up that hill" di Kate Bush rifatta come l'avrebbero suonata gli Swervedriver, il gotico romantico di "Twenty years"...
Non male, alla fine. Ma sarei stato così indulgente se avessi dovuto pagare 30 euro per uno straccio di concerto da un'ora e dieci minuti? Al prossimo che mi dice che non va a teatro perchè costa troppo, gli sputerò...

MP3.


Bella, bellissima idea, quelli di Blow Up. La rivista musicale più snobbina ha iniziato i podcast dal suo sito: tanti piccoli programmi radiofonici condotti dai suoi giornalisti, ognuno a tema.
Ci sono già moltissime puntate caricate...
Qualunque cosa vogliate ascoltare, la trovate qui. Più che consigliato!!!

CHIAVE DI RICERCA DELLA SETTIMANA.
(ovvero: come ti arrivo a questo blog perdendo la faccia)

memorabilia la festa della pastiglia

festa della pastiglia?

LA FRASE DELLA SETTIMANA.

"Prendi la griglia del culo da tre..." (Gigi)

The week start...NOW!
Buona settimana...

Etichette: