un isterico tuareg...

26 aprile 2007

Rainbow lady

La calza velatissima color daino strizzava cattiva una vena varicosa sulla gamba sinistra.
Poco più in basso, il piede si torceva, ritmico, contro il pavimento della posta.
La signora lo batteva in terra, nervosa, piegandolo a sinistra, provocando una lite tra il tacco e la suola:
"Questa mi ha rotto, se mi sbatte un altro po' a terra io mi scollo. Ma che ha? Ha finito il Valium? La farmacia è qui di fronte..."
"No, dai, per favore, resta...se te ne vai mi sporcherò tutta..."

Qualche centrimetro più su, la voce sbraitava: "Eppure mi conoscete bene, sono già venuta qui quattro volte!", mentre la mente fingeva di non vedere il disinteresse rabbioso della postina, cercando di non captare pensieri come se scavalco questo bancone la strizzo fino a farla entrare nella macchinetta che legge le bollette, e il suo corpo sminuzzato farebbe SWOOOOOOP! apparendo sulla schermata del mio terminale.

Dal canto loro, gli occhi guardavano altrove. Era dalla mattina che cercavano di ignorare il golfino rosso tricottato, la maglia verde fastidio, la gonna blu gessata e tagliata da un sarto armato d'ascia, le scarpe anziane e graffiacaviglia.
Ma quel vetro riflettente non li aiutava di certo.

ma perchè tutti diventano nervosi, in posta?

Soundtrack avete visto la nuova radio?

2 Comments:

  • MA CHE BELLAAAAAAAAAAA! le canzoni le hai scelte tu? ma quando vieni a commentare la stacchi... (mi sono chiesta mezz'ora che minchia avessi fatto prima di capire blog=dani=musica - AHHH ECCO da dove arriva! :D)
    not-any-more

    By Anonymous Anonimo, at 12:03 AM  

  • Adesso funzionano tutte quante!
    Sto abbellendo il blog...anche se i fratellini abbandonano, non vuol dire che pure io... :D

    By Blogger daniele, at 10:35 AM  

Posta un commento

<< Home