un isterico tuareg...

07 marzo 2007

1652

No, non so cosa successe nel 1652. (poco, a quanto sembra)
Ma è un numero sgradevole, almeno per oggi.
Dopo aver passato le ultime quattro giornate a ricercare, scrivere e limare un articolo per un quotidiano nazionale (il MIO quotidiano nazionale!) (un articolo su una mia idea, proposto da me e accettato miracolosamente al volo) (scusate, ora la smetto), sono tornato al solito lavoro.
Lavoro che oggi consiste in:

* le dichiarazioni di un leghista preoccupato per l'arrivo di un'ondata di zingari
* il sindaco del paese che gli risponde a pernacchie
* le indgini dei Carabinieri su un gruppo di ragazzini che, entrati di sera a scuola, hanno preso i registri di classe e li hanno buttati nel cortile.

Proprio quest'ultima cosa mi mette tristezza. 1652 battute di tristezza cosmica e irreale, in anteprima solo per voi (o vorreste aspettare di leggere il giornale di domani?)

UNA GOLIARDATA che, per fortuna, non è sfociata in atti vandalici o in furti: chi si è introdotto nella scuola elementare di Campegine di piazzale Montry, lo scorso martedì sera, lo ha fatto per puro e semplice divertimento, giocando a spostare in varie stanze dell’edificio alcuni registri di classe.Secondo la ricostruzione dei Carabinieri della stazione di Poviglio, intervenuti per primi sul posto, gli ignoti giocherelloni si sarebbero introdotti nell’edificio, facente parte dell’Istituto Comprensivo Scuola Elementare e Media Statale di Gattatico e Campegine, in un orario presumibilmente compreso tra le 22,00 e le 23,00 dello scorso martedì, passando dalle porte antincendio situate al primo e al secondo piano dell’edificio.

Le forze dell’ordine, intervenute sul posto, non hanno infatti constatato alcun segno di effrazione sulla porta d’entrata o sulle finestre al pianterreno, ma hanno trovato le porte d’emergenza spalancate: da lì, chi si è introdotto nell’edificio si sarebbe diretto nell’aula insegnanti, e da lì avrebbe portato via cinque registri di classe.
I documenti scolastici, però, non sono stati rubati né scarabocchiati né strappati: un registro è stato trovato in un’altra aula, mentre gli altri quattro sono stati ritrovati la mattina dopo dal personale scolastico nel cortile dell’edificio, sul retro.
Molto probabilmente, secondo le forze dell’ordine, a rendersi responsabili dell’ennesima bravata contro un istituto scolastico sono stati alcuni ragazzini del paese: sulla vicenda sono in corso le indagini dei Carabinieri di Castelnovo Sotto, subentrati ai colleghi di Poviglio per competenza territoriale.

Soundtrack lacrime, amare lacrime...

1 Comments:

Posta un commento

<< Home