un isterico tuareg...

30 gennaio 2007

Perchè la gente...?

Io non sono perfetto, ma Dio ha fatto un errore: dare alla gente il dono della parola.
Un GRAVE errore.

Vabbè, si sarà capito: con mio padre in ospedale, sono tornato a sostituirlo in negozio. E la gente, attratta dalla tragedia come una mosca da un letamaio, si è precipitata in massa.
Queste sono alcune delle perle raccolte in due mattinate di lavoro, 14 ore di terrificante fastidio.
Come schiacciarsi le palle in mezzo a una porta, ma più doloroso.
Nell'ordine.


Ieri mattina, ore 7.30: "Ah, tuo padre è in ospedale. Anche quell'altro là (chi???) doveva andare in ospedale, ma poi è finito da un'altra parte...traduzione: era malato, ed è morto prima di arrivare.

Due ore dopo, una cliente mi scambia per...MIA MADRE.
Ora, va bene, i géni non mentono. Ma come si fa a scambiare un ragazzo di ventisei anni con tanto di barba e sguardo alla vi-odio-tutti con una signora di sessantacinque anni alta la metà di me?

Più tardi, mio cognato (addetto alle pubbliche relazioni con la massa di clienti ignoranti, per evitare che io salti alla gola a qualcuno) riesce a convincere un paio di persone che, in realtà, mio padre non è in ospedale, ma è partito con mia madre per andare a sciare a Cortina. E LA GENTE CI CREDE!

Stamattina, ore 7.30 e un gelo artico, tanto che in strada perfino i pinguini si scaldavano davanti a dei copertoni bruciati come puttane di bassa lega, io inforco la bicicletta per fare le consegne dei giornali ai bar. Appena chiusa la porta, una cliente mi blocca e, ridendo giuliva, sentenzia: "Ah, stavi chiudendo? Allora ti ho preso proprio per il rotolo della cuffia!"

Quando, ore più tardi, mia sorella ha sentenziato "É da vent'anni che ho capito che il mio karma per questa vita è di non essere felice", ho capito una cosa: il mondo è pervaso da un'ignoranza enorme.

Soundtrack ah beh, Violetta sarebbe perfetta...