un isterico tuareg...

08 dicembre 2006

Geni e santi

Herbert al "Maffia", ieri sera. Inizia il set con "The movers and the shakers" e i suoi incastri ritmici geniali, e io mi precipito nel locale, quasi finendo la sigaretta in un unico tiro.
Tutti ballano, intorno: davanti a loro c'è un genio. Qualcuno lo sa, altri no e se la godono semplicemente.
Ma perchè quando io metto quel pezzo nei miei set, la reazione non è mai uguale a quella di ieri sera? Mah...

Un santo con me al "Maffia", ieri sera. Che, pur di stare con me, si sorbisce una notte intera di musica che non sopporta.
"Ma...tu sei qui per me."
"Certo che sono qui per te, cosa credevi?"

Qualcuno in consolle per un giorno santo, stasera, al CSOA "Fassbinder" di Sassuolo. Io, tutt'altro che un genio. Qua a fianco il flyer che ha fatto Fabbree.
è divertente, perchè è blasfemo!, direbbe Karen.

Soundtrack EN ROCO "Occhi chiusi" Green Fog / Venus, 2005

3 Comments:

  • oddio un'ALTRA crisi iperglicemica... dopo il primitivo di manduria lo chardonnay il liquore di salvia il limoncello il nocino NON sopravviverò... URP... :P

    Any-holic

    By Anonymous Anonimo, at 6:40 PM  

  • (e smettila di fumare!!!Any-sis)

    By Anonymous Anonimo, at 6:41 PM  

  • Herbert è un genio, assolutamente.

    By Blogger federico, at 2:30 PM  

Posta un commento

<< Home