un isterico tuareg...

02 ottobre 2006

The week never starts 'round here # 25

Uhm. Bella settimana. E con oggi fanno sette giorni esatti di pessimo umore. Come mai? Non ne ho idea. Ma ho qualche sospetto: il teatro in crisi, una mia amica che mi rivede per la prima volta dopo mesi e mi saluta con un "Dani, puzzi d'alcool", l'essere confinato di nuovo in quel c%&$ç di negozio dei miei genitori, il collega al giornale che profetizza sventure e fallimenti...
Non so. Ma ho avuto settimane migliori.

L'EVENTO.

Almeno due: i cattivoni hanno pagato, e mr. Houdini è definitivamente archiviato. Non male.
Ma anche l'invio di pezzi di questo blog al concorso di Scrittomisto...chissà come andrà?

IL LIBRO.

Un libro dalla copertina arancione e dalla forma quadrata mi attira dagli scaffali della biblioteca. Lo prendo, lo porto con me e...sorpresa! Non serve assolutamente a un cazzo! Si tratta di I segreti del podcasting di Steve Shipside. Del resto...come fidarsi di uno che scrive libri e di cognome si chiama fiancata-di-nave? Che cazzo è, un cognome indiano?
Perchè prendo un libro sul podcasting? Perchè presto avrete qualche sorpresa...e di più non dico!


CD (selezione).

- REFLUE "A collective dream"
- PJ HARVEY "Uh huh her"
- MERCURY REV "All is dream"
- NICOLA CONTE "Other directions"
- JONI MITCHELL "Blue"
- KILL THE VULTURES "The careless flame"
- RIDE "Nowhere"

FILM.

Che cosa fanno nello stesso film un neonazista, un pakistano, un tennista fallito, una ragazza madre con figlio handicappato e un pastore con ogni sorta di tragedia alle spalle?
Cercano di preparare una torta di mele, ovvio.
Non ci credete? Eppure è così, ne Le mele di Adamo. Commedia nera, nerissima. A volte Dio e il diavolo si scambiano di posto, sembra. Ma il pastore non vuole sentire ragioni: le sue orecchie inizieranno a sanguinare se lo si mette di fronte al male. E la sua stupidissima, testarda ostinazione porta alla salvezza tutti. Strano film. Bellissimo film.


VIDEO.

Finalmente l'ho comprato!!! Era uscito a maggio, e vi ho messo le mani sopra solo lunedì scorso. 16 brani dal vivo, tra cui una furiosa "Who the fuck?" e qualche perla tratta da "Dry", uno dei miei dischi preferiti in assoluto. Scene da backstage, vita caotica da tour, una bella intervista sull'ultimo "Uh huh her". Una donna impeccabilmente rock, su tacchi alti e furia blues.

MP3.

Non credevo che avrei mai ascoltato un cd hip-hop in vita mia. Eppure... sono riusciti nell'impresa i KIll the Vultures. Già il disco dello scorso anno mi aveva folgorato, e ora sono tornati con qualcosa di molto rumoroso: ritmiche industriali, inserti jazzati, paranoia noir. E finalmente l'hip-hop torna a essere realtà dei bassifondi ed espressione di cultura black reale, non quella di MTV.
Ascoltate qui questa "Moonshine" e ditemi...

LA FRASE DELLA SETTIMANA.

Fabbree: "La Cami mi ha tagliato i capelli oggi pomeriggio"
Io:"Uhm. (guardandolo) L'hai denunciata?"

The week starts...NOW!
Buona settimana...

1 Comments:

  • Ehehehe! Sì, in effetti c'era qualcosina da aggiustare... Ma lui ha detto che andavano bene così. Forse perché dopo 2 ore non ne poteva più di stare fermo?

    By Anonymous Cami, at 12:04 AM  

Posta un commento

<< Home