un isterico tuareg...

29 agosto 2006

Tutto sta per cambiare

Che è dura tornare da un viaggio, non lo scopro io, nè è una novità degli ultimi giorni.
Ll'ansia che mi ha preso ieri, schiacciato in una Clio tra valige e frutta, si è trasformata in una pigra voglia di fare, in una rilassata necessità di rimettermi in moto.
E le cose stanno per cambiare, qualcosa di buono si vede all'orizzonte, e ho tutta la voglia di lottare che serve.

Il tour delle casalinghe disperate è andato alla grande.
Assieme a cinque donne. O mi uccide o mi tempra, diceva Minnie. Beh, ho la risposta: cinque donne temprano.
A parte l'aver accumulato una mostruosa conoscenza teorica sulle creme idratanti, tutto è andato alla grande. Eravamo troppo rilassati per riuscire anche solo a pensare di non andare d'accordo. Qualcuno ha guadagnato soprannomi improbabili (Barabba? Giappa? Mortacci? Venere di Bottarella?), qualcuno si è innamorato del Cirò (indovinate chi?), qualcuno si è bruciato al sole.

Tre giorni a Mondaino, dove Gemma interpretava la baby-bitch in un bordello in una rievocazione storica medievale, con le ore notturne passate a bere e a suonare con i figuranti, in un'atmosfera incredibile.

E poi a sud, a casa.
Dove si sono annodate risate e porcate, letture di carte e sale incastrato nella pelle, legno e odore di aria familiare. Parole aspirate e buttate fuori, l'accento calabrese che mi si è attaccato addosso. I parenti che chiacchierano davanti a casa, come ai vecchi tempi quando la famiglia non si era ancora disgregata in mille e tutti stavamo attorno a mio nonno.
Il sapore del vino, il rumore di un mare minaccioso solo per scherzo.
Poi una sera mi leggono le carte. Mi dicono che sono appeso a testa in giù, circondato da paranoie e con l'ossessione di non stare solo. Carte che non mentono, ma che indicano direzioni diverse da prendere.
Lentamente. Solo gli stupidi si muovono veloci, mi insegnano.
E allora riprendiamo, oggi. Piano. Guardando avanti.

Soundtrack FILIPPO GATTI "Tutto sta per cambiare" Epic / Sony, 2003

6 Comments:

  • Allora cominciamo lentamente con un commento poco impegnativo.... Bentornato.

    R

    By Anonymous R, at 1:23 PM  

  • ciao lupo (pat pat, grat grat)! bentornato! adesso che posso di nuovo leggere i tuoi racconti è davvero ricominciato l'anno :). bello e inusuale leggerti così spensierato! dipende forse dal cirò? :D

    By Anonymous Anidride, at 1:48 PM  

  • Ciao Danilel e bentornato ancora. Se i tarocchi ti hanno dato l'Appeso come carta, ritienito fortunato. Oltre a tutto il resto, l'appeso e' anche quello che guarda le cose da un altro punto di vista, e' originale, vuole i cambiamenti ma soprattutto NON HA PAURA dei cambiamenti stessi. Ed ora piano piano, torniamo al trabajo... Un abbraccio stritolante,

    Andy

    By Anonymous Andy, at 2:19 PM  

  • ciao carino, ti vedo bene! qui siamo giá in autunno inoltrato, e mi ha fatto piacere sentire un po' di echi marini e di cicale... bacetti!
    PS ero io e non minnie quella del se non ammazza tempra (disse la zia acida e precisina)

    By Anonymous quella di cope, at 4:16 PM  

  • Rieccoti :-)

    By Anonymous Lohana, at 7:25 PM  

  • Grazie Daniele. Sei il benvenuto, quando vuoi. Memorizzo il tuo blog. Ciao
    *ilpiccolobodhisattvagay*

    By Blogger Ashoka, at 12:01 PM  

Posta un commento

<< Home