un isterico tuareg...

10 luglio 2006

The week never starts 'round here # 13

Siamo campioni del mondo, pare. Dopo il rigore di quella testina di minchia di Zidane, cambio canale fino a trovare un concerto dei Radiohead. Il boato della folla al gol di Materazzi mi riporta ai miei doveri di italiano, e l'arrivo di Elena permette di mischiare agevolmente gossip e finale mondiale.
Siamo campioni del mondo. Ogni tanto, una notizia positiva deve esserci, no? Iniziamo.

L'EVENTO.

Non credo che il vero evento sia che l'Italia abbia vinto i mondiali, quanto piuttosto che io abbia guardato due partite quasi per intero! E la soddisfazione di vedere perdere i francesi, dove la vogliamo mettere? Nel '98, quando vinsero loro, ero in un campo di lavoro in Portogallo, unico volontario italiano in un gruppo con tre francesi. Vinsero loro contro di noi ai rigori.
Ieri la vendetta è arrivata. Quindi: Jocelyn, Caroline e ?(come cacchio si chiamava il terzo?): PRRRT!

IL LIBRO.

Guidato come al solito da Dispenser, mi avvicino a Il bazooka delle verità di Sam Lipsyte. Ma non mi appassiona per niente, e lo pianto a metà.
Un tipo inacidito dalla vota inizia a scrivere i suoi contributi per un giornalino di ex-studenti: tutti si vantano dei propri successi, mentre lui spala merda su se stesso e sbugiarda gli altri.
Boh. Non è il momento per fare del cinismo sui propri successi, pare.
Insomma, non mi prende. E il libro è stato abbandonato da qualche parte sul pavimento della stanza...anche perchè poi, sul comodino, ho ritrovato il terzo volume delle "Tales of San Francisco" di Armistead Maupin e ci sono ricaduto dentro come un fesso...

CD (selezione).

- AA.VV. "Songs for another place"
- TYING TIFFANY "Undercover"
- GIARDINI DI MIRO' "North atlantic treaty of love"
- CESARE BASILE "Hellequin song"
- LALI PUNA "Faking the books"
- TV ON THE RADIO "Return to cookie mountain"
- YO LA TENGO "Prisoners of love"

IL FILM.

Sabato scorso ho inaugurato uno dei miei riti estivi: il cinema estivo agli ex-Stalloni (che non sono attori porno in disuso, ma un'area di Reggio vicino ai Chiostri sede del Conservatorio). Uno dei posti più belli che conosca: due enormi file di alberi, e in mezzo un maxischermo dove recupero tutti i film che ho perso durante l'anno.
Sabato sera è toccato a "Transamerica", un film davvero molto, molto, molto bello. Una commedia dove un trans scopre di avere un figlio, poco prima dell'operazione che la farà diventare definitivamente donna. Obbligata a rapportarsi con lui dalla psicologa che la accompagna nel cammino al nuovo sesso, i due attraversano l'America fino a realizzare i propri sogni.

É un film divertente, ma con un'amarezza di fondo incredibile; e ci sono certe delicatezze stupende, come nella scena in cui Bree rallenta con un dito il vinile che sta ascoltando per sentire la voce della cantante modificata...E non capisco come Felicity Huffman (altro che casalinga disperata, qui!) non abbia vinto un'Oscar: semplicemente strepitosa.

MP3.

Questa settimana la scelta è ampia; e allora vi porto a sentire "Othello", il nuovo pezzo dei Giardini di Mirò, che ho ascoltato tanto nelle ultime settimane. A cantare è Jukka, il chitarrista alto alto e non più barbuto della band, quello con l'adesivo shoegazing is not a crime appiccicato sulla sei corde.
Ritmica electro più sostenuta, e le solite meravigliose melodie alla chitarra, con la voce che recita brani dell'"Otello" di Shakespeare: scaricatela qui!

VIDEOCLIP.

Proprio mentre con Andy si parlava di sumo, io scopro un clip divertentissimo: vi ricordate quello di "Kelly watch the stars" degli Air, con le due ragazze che giocano a ping pong, in un'animazione virtuale del gioco Atari? E a un certo punto una delle due viene colpita in testa da una pallina e sembra morire, ma poi si riprende, scende dal cielo stellato e vince la partita?
Ecco. Ellen Allien ha realizzato un video, "Down", con la parodia di quello. Al posto delle due eteree ragazze coi capelli lunghi, ci sono due lottatori di sumo che colpiscono la pallina con le loro enormi, traballanti pance. Niente male davvero!!!

LA FRASE DELLA SETTIMANA.

"In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare" (E.M. Cioran)

The week starts...NOW!
Buona settimana...

1 Comments:

  • Grazie per avermi citato e per le visite "di la'". Mi fa piacere che le cose sembrano aggiustarsi, un abbraccio e buona settimana.

    Andy

    By Anonymous Anonimo, at 6:20 PM  

Posta un commento

<< Home