un isterico tuareg...

15 luglio 2006

Vendetta, tremenda vendetta

Mia madre.

Una donna che va in vacanza e che, nonostante tu stia lavorando al posto suo perchè lei possa partire senza chiudere l'edicola, ti chiama lamentandosi perchè piove e ti dice "Quasi quasi io e tuo padre torniamo indietro."
grrr...

La donna che, ogni giorno, chiama e dice: "Se sei stanco, torniamo a casa!"
cosa ti fa pensare che sia stanco, se al mattino mi sveglio alle 6 e vado in edicola, e il resto della giornata lo passo lavorando al giornale? grrr...

La donna che, oggi, fa un grave errore.
Mi chiama, tutta querula, e mi dice: "Sai, siamo al mare! É meraviglioso! Senti!!!" e sta zitta, e mi fa sentire il rumore delle onde.
Avete presente la bellezza del mare in Calabria? E avete presente quanto lavorare in un'edicola, con i vecchiazzi di paese che continuano a chiedermi dove sono i miei, aumenti il mio odio verso la specie umana? Oggi una signora ha guardato me e mia sorella e poi ha chiesto, tutta contrita: "Avete perso i vostri genitori?"
Signora, l'ultima volta che li ho sentiti al telefono stavano bene. Erano vivi, almeno...

Insomma.
Ho mia madre al telefono che mi fa sentire le onde del mare, ma sbaglia giornata. Ho ancora un po' di scazzo da ieri sera, la stanchezza dello stare in un posto dove ficcherei una ciabatta in bocca a chiunque e...il caso, stavolta, mi ha messo in mano un'arma.

MAMMA: "Senti che bel rumore, il mare? Mi sono bagnata solo un po' i piedi..."
FIGLIO STRONZO (io): "Mamma. É arrivata una raccomandata dal Comune di Modena. Pare che tu e papà siate passati col rosso. La multa è intestata a te: ti hanno tolto sei punti dalla patente e devi pagare 160 euro."

Freddo, glaciale. Uno stronzo col fischio e col botto.
Ma che soddisfazione...
Credo che mia sorella abbia finito di ridere solo un paio di minuti fa...

Soundtrack BETH ORTON "Pass in time" Heavenly / BMG, 2003

1 Comments:

Posta un commento

<< Home